Istituto tecnico indirizzo Agrario, agroalimentare e Agroindustria

Il percorso di studi che conduce al diploma in Agraria, Agroalimentare e Agroindustria consente allo studente di costruirsi un insieme di competenze che possono essere utili sia nella prosecuzione degli studi soprattutto nelle facoltà universitarie del settore agrario, alimentare e in quello relativo all’ambiente e alle biotecnologie, sia nell’inserimento lavorativo in aziende del settore o per l’esercizio della libera professione.

Il settore agricolo e agro-alimentare sta vivendo un periodo di radicale evoluzione, aprendosi ad una visione più dinamica, frutto delle potenzialità che la ricerca scientifica ha sviluppato. Inoltre, l’Italia e l’Europa intensificano i propri sforzi nelle politiche di tutela delle tipicità delle cultivar e dei prodotti agro-alimentari.
Tale settore diviene dunque strategico non solo per lo sviluppo nazionale ma anche per il futuro dell’intero pianeta. Lo slogan proposto nell’Expo Milano 2015 “Nutrire il Pianeta”, diviene il solco entro il quale sviluppare una didattica che tenga conto delle sfide dei tempi.
Affrontare queste sfide richiede che vengano formati tecnici in possesso di conoscenze, capacità e competenze orientate nel percorso di evoluzione di questo settore.
Il Diplomato nell’indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria è in grado di:

  • Collaborare alla realizzazione di processi produttivi ecosostenibili, vegetali e animali, applicando i risultati delle ricerche più avanzate;
  • controllare la qualità delle produzioni sotto il profilo fisico-chimico, igienico ed organolettico;
  • individuare esigenze locali per il miglioramento dell’ambiente mediante controlli con opportuni indicatori e intervenire nella protezione dei suoli e delle strutture paesaggistiche, a sostegno degli insediamenti e della vita rurale;
  • intervenire nel settore della trasformazione dei prodotti attivando processi tecnologici e biotecnologici per ottenere qualità ed economicità dei risultati e gestire, inoltre, il corretto smaltimento e riutilizzazione dei reflui e dei residui;
  • controllare con i metodi contabili ed economici le predette attività, redigendo documenti contabili, preventivi e consuntivi, rilevando indici di efficienza ed emettendo giudizi di convenienza;
  • esprimere giudizi di valore su beni, diritti e servizi;
  • effettuare operazioni catastali di rilievo e di conservazione; interpretare carte tematiche e collaborare in attività di gestione del territorio;
  • rilevare condizioni di disagio ambientale e progettare interventi e protezione delle zone di rischio;
  • collaborare nella gestione delle attività di promozione e commercializzazione dei prodotti agrari e agroindustiali;
  • collaborare nella pianificazione delle attività aziendali facilitando riscontri di trasparenza e tracciabilità.

L’insieme del corso di studi quinquennale consente inoltre di sviluppare le seguenti competenze generali:

  • Identificare e descrivere le caratteristiche significative dei contesti ambientali.
  • Organizzare attività produttive ecocompatibili.
  • Gestire attività produttive e trasformative, valorizzando gli aspetti qualitativi dei prodotti e assicurando tracciabilità e sicurezza.
  • Rilevare contabilmente i capitali aziendali e la loro variazione nel corso degli esercizi produttivi; riscontrare i risultati attraverso bilanci aziendali ed indici di efficienza.
  • Elaborare stime di valore, relazioni di analisi costi-benefici e di valutazione di impatto ambientale.
  • Interpretare ed applicare le normative comunitarie, nazionali e regionali, relative alle attività agricole integrate.

Nell’articolazione “Gestione dell’ambiente e del territorio” vengono approfondite le problematiche della conservazione e tutela del patrimonio ambientale, le tematiche collegate alle operazioni di estimo e al genio rurale.

Le metodologie didattiche

L’Istituto intende percorrere nella didattica la graduale evoluzione dall’agricoltura tradizionale a quella eco-compatibile, avvalendosi anche dell’adeguamento dei programmi delle discipline tecniche verso la conoscenza e l’analisi dell’ecosistema nei suoi aspetti più peculiari e delicati.
Le attuali linee guida nel sistema agricolo europeo e mondiale sono, infatti, orientate verso modelli eco-compatibili e, soprattutto, sostenibili, tenendo conto delle urgenti problematiche riguardanti la salvaguardia delle risorse ambientali, del territorio e della biodiversità. In questo scenario la ricerca ha sviluppato e messo a punto nuove tipo di colture sfruttando biotecnologie all’avanguardia.
La didattica è, dunque, finalizzata a valorizzare il metodo scientifico e il pensiero operativo, in riferimento alla dinamicità evolutiva che caratterizza il settore in questo periodo. Inoltre intende educare al lavoro cooperativo favorendo la cultura del progetto, orientare a gestire processi in contesti agricoli, alimentari e agroindustriali. Le nuove metodologie didattiche interattive educano, inoltre, all’uso di modelli di simulazione e di linguaggi specifici, strumenti essenziali per far acquisire agli studenti i risultati di apprendimento attesi a conclusione del quinquennio.
Il corso di studi è caratterizzato dall’interdisciplinarietà, in quanto le competenze richieste ai futuri professionisti del settore sono essenzialmente trasversali e interconnesse.

I laboratori e l’attività pratica

Allo studio teorico viene affiancata parallelamente l’attività laboratoriale e l’attività pratica sul campo.
L’attività in laboratorio permette l’applicazione della chimica, l’effettuazione di analisi previste nelle industrie agrarie, lo studio dei vegetali, degli insetti, delle coltivazioni idroponiche e dell’idrocoltura.
Nel periodo autunnale e primaverile si svolgono le lezioni pratiche sul campo, Gli stage, i tirocini e l’alternanza scuola/lavoro
La didattica prevede nel corso di studio diversi stage presso aziende agricole. Sono esperienze fondamentali per far conseguire agli studenti i risultati di apprendimento attesi e attivare un proficuo collegamento con il mondo del lavoro e delle professioni.

Articolazione del corso di studi

Il corso di diploma ha durata di 5 anni ed è suddiviso in un primo biennio, un secondo biennio e un quinto anno. Il secondo biennio e il quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario.

 

Chiedere aiuto all'insegnante:
info@guidodarezzoterni.it

Istituto Guido D'Arezzo Terni per il recupero di anni scolastici, con preparazione personalizzata.